5 aree di impatto su cui agire per rendere un Data Center sostenibile

I data center hanno un ruolo fondamentale nel percorso verso la neutralità climatica. Ma per rendere un data center sostenibile le sfide da vincere non riguardano solo l’efficienza energetica ma anche l’impatto ambientale associato alla loro costruzione e al loro funzionamento.

La digitalizzazione ha portato a un’esplosione di dati, con un tasso di crescita sempre in aumento. Si prevede una crescita globale del 23% entro il 2025. I Data Center rappresentano già l’1% dell’utilizzo di energia elettrica a livello mondiale e, sebbene il settore abbia ottenuto incredibili miglioramenti in termini di efficienza nell’ultimo decennio, non è chiaro se tali traguardi possano continuare a compensare la richiesta di energia per i Data Center che ci aspettiamo nei prossimi anni.

Se da un lato il settore dei Data Center sta lavorando per stare al passo con la domanda, dall’altro sta adottando e lavorando per raggiungere ambiziosi obiettivi di sostenibilità. Per fare entrambe le cose, il settore deve affrontare non solo l’efficienza energetica, ma anche tutti gli impatti ambientali associati alla costruzione e al funzionamento dei Data Center. Poiché ogni azienda decide autonomamente quali sono questi impatti e come misurarli, è difficile per i clienti, gli investitori e persino per gli stessi operatori sapere come si stanno comportando.

Affinché il settore possa progredire in modo significativo sulla sostenibilità, è necessario che ci si concentri intorno a un’idea comune di cosa misurare, come misurarlo e come definire il successo.

Standardizzazione dell’efficienza energetica del Data Center

Esiste un precedente per la standardizzazione a livello di settore sulle prestazioni energetiche e di sostenibilità dei Data Center. La prima metrica standardizzata per misurare l’efficienza energetica dei Data Center è stata creata nel 2007. Green Grid ha sviluppato il Power Usage Effectiveness (PUE) per misurare la percentuale di consumo energetico totale destinata all’IT. I vantaggi di questa misurazione standard sono evidenti. Da quando è stato introdotto, il PUE medio annuo nei grandi Data Center è migliorato notevolmente, poiché gli operatori hanno cercato di ottimizzare l’efficienza di tutti i componenti del Data Center, dal raffreddamento all’illuminazione. La metrica PUE ha contribuito a indirizzare il settore verso un aspetto importante dell’efficienza energetica e a promuovere una maggiore sostenibilità. Di fronte a un’ampia gamma di impatti ambientali, è ora giunto il momento per il settore di andare oltre.

Scarica il nostro White Paper “Guida alle metriche di sostenibilità ambientale per i Data Center”

Creare un approccio olistico alla sostenibilità

Il settore dei Data Center ha bisogno di un quadro di sostenibilità olistico con metriche standardizzate per guidare la pianificazione di proprietari e operatori. L’Energy Management Research Center di Schneider Electric ha sviluppato un quadro di riferimento unico nel suo genere, che si avvale dell’esperienza di esperti ESG, consulenti di sostenibilità e architetti di soluzioni per Data Center per eliminare le congetture dalla sostenibilità del Data Center. Questo quadro è composto da 23 metriche specifiche ed è descritto nel White Paper “Guida alle metriche di sostenibilità ambientale per i Data Center“. Questo insieme standard di metriche aiuterà le aziende a concentrarsi sugli impatti ambientali che contano, valutare le loro prestazioni rispetto agli altri e fare piani di miglioramento.

La guida aiuta anche gli operatori dei Data Center a identificare la loro posizione attuale nel loro percorso di sostenibilità in base alle metriche che stanno già monitorando. Una volta stabilito se l’organizzazione è agli inizi, in fase avanzata o leader nei suoi sforzi di sostenibilità, può scegliere metriche aggiuntive da monitorare man mano che avanza nel suo percorso. Queste metriche sono suddivise in cinque categorie. Ognuna di queste categorie rappresenta una delle principali aree di impatto ambientale per i Data Center:

  • Energia. I Data Center utilizzano un’immensa quantità di energia. Migliorare l’efficienza energetica può ridurre le emissioni di gas serra (GHG), l’inquinamento atmosferico e persino l’acqua utilizzata nella produzione di elettricità.
  • Emissioni di gas serra (GHG). I Data Center producono emissioni di gas serra a causa dell’energia acquistata, delle attività svolte in loco e del carbonio incorporato nelle apparecchiature e dei materiali utilizzati per la loro costruzione. Ogni operatore di Data Center deve essere in grado di quantificare e comunicare queste emissioni per trovare un’opportunità per ridurle.
  • Acqua. I Data Center tradizionali richiedono acqua per il raffreddamento: circa 25 milioni di litri di acqua ogni anno per un piccolo Data Center da 1 MW. Il raffreddamento è solo una delle funzioni per cui i Data Center consumano acqua. Nuove metriche possono aiutare gli operatori a misurare il consumo di acqua e identificare nuove tecnologie che possono produrre importanti riduzioni.
  • Scarto. Gli operatori dei Data Center devono misurare e gestire il loro impatto dei rifiuti durante l’intero ciclo di vita del Data Center e implementare pratiche di economia circolare per ridurre la produzione di rifiuti lungo tutta la loro catena di fornitura.
  • Terra e biodiversità. La costruzione e il funzionamento dei Data Center possono avere un impatto sulla terra, sull’acqua e sull’aria. L’industria dei Data Center deve misurare questi impatti per comprenderne l’effetto sugli ecosistemi circostanti e sulla biodiversità su cui dipendiamo.

Monitoraggio dei progressi con sistemi di valutazione riconosciuti a livello globale

Oltre alle pressioni da parte di clienti e investitori, il settore dei Data Center sta rispondendo alle nuove normative che richiedono migliori prestazioni di sostenibilità. Il Title 24 – Building Energy Efficiency Standards della California stabilisce gli standard per l’efficienza energetica negli edifici nuovi ed esistenti. Il Green Building Masterplan di Singapore fissa l’obiettivo che l’80% dei nuovi edifici sarà Super Low Energy (SLE) entro il 2030.  Nell’Unione Europea, il ‘Fit for 55‘ include nuove regole volte a decarbonizzare il settore dell’edilizia. Le aziende che aprono nuovi orizzonti, compresi gli operatori di Data Center, avranno bisogno di metriche aggiuntive per misurare la conformità dei loro edifici a questi standard ambientali.

Oltre a quello recentemente pubblicato da Schneider, esistono diversi quadri di riferimento in grado di fornire questa visibilità, dai codici LEED e BREEAM al Greenhouse Gas Protocol. Man mano che il settore si muove verso gli standard di queste metriche e come misurarle, sarà possibile sviluppare un linguaggio comune attraverso il quale gli operatori possono valutare oggettivamente i propri progressi e confrontarli con il resto del settore.

In prima linea per un futuro più sostenibile

I Paesi di tutto il mondo si stanno concentrando sulla sostenibilità, fissando obiettivi ambiziosi e adottando nuove normative e standard ambientali. Anche le aziende stanno aprendo la strada e i clienti chiedono che gli agli operatori dei Data Center di dimostrare la loro sostenibilità. Oltre ad attrarre clienti, il miglioramento delle prestazioni di sostenibilità spesso riduce costi e fornisce vantaggi per i Data Center. Il settore dei Data Center ha l’opportunità di agire rapidamente per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità che andranno a beneficio dei profitti, della nostra comunità globale e della salute del nostro pianeta. Sapere cosa misurare è il primo passo.

Scarica il nostro White Paper “Guida alle metriche di sostenibilità ambientale per i Data Center”

Questo blog post è stato pubblicato originariamente sul blog Global di Schneider Electric.

L’autore del post: Pankaj Sharma

A partire dal 1 gennaio 2020, Pankaj Sharma ricopre il ruolo di VP esecutivo della divisione Secure Power di Schneider Electric.


Nessuna Risposta

Rispondi

  • (will not be published)