Perché l’edge computing è essenziale per la trasformazione digitale dell’industria alimentare e delle bevande

Il settore alimentare e delle bevande sta digitalizzando tutti i processi per affrontare le sfide del settore. Questo significa migliorare la supply chain (la catena di approvvigionamento) attraverso la raccolta dei dati, la visibilità e la tracciabilità per ottimizzare i processi product-to-market e migliorare la loro qualità complessiva.

Perché l'edge computing è essenziale per la trasformazione digitale dell'industria alimentare e delle bevande

La digitalizzazione lo permette attraverso l’utilizzo di dispositivi e sensori intelligenti che raccolgono dati da apparecchiature e processi. Tuttavia, per raccogliere, gestire e analizzare con successo tutti i diversi tipi di dati prodotti dall’IIoT (Industrial Internet of Things), le aziende del food and beverage hanno bisogno di soluzioni di edge computing.

L’edge computing supporta la digitalizzazione posizionando la potenza di calcolo, l’archiviazione e l’analisi dei dati vicino a dove questi vengono prodotti, riducendo la latenza e consentendo la gestione di enormi quantità di dati IIoT in tempo reale. Di conseguenza, l’edge computing consente la digitalizzazione aiutando le aziende ad essere più efficienti in ogni fase della supply chain, dalle fattorie, alla produzione, fino alla distribuzione e alla vendita al dettaglio.

I benefici della trasformazione digitale

I miglioramenti operativi e di efficienza nel settore alimentare e delle bevande sono attesi da tempo. Considerando i risultati di un recente studio di Gartner, l’87% delle aziende alimentari e delle bevande sono in netto ritardo nelle capacità di analisi dei dati e di business intelligence. Quando la digitalizzazione è implementata in modo efficace, le aziende del settore possono acquisire vantaggi significativi in queste tre aree:

1. Massimizzare il valore delle attrezzature

Investire in IoT (Internet of Things) e analisi dei dati può contribuire a ridurre le spese in conto capitale delle aziende, allungando il ciclo di vita delle attrezzature. I sensori posizionati su sistemi e apparecchiature forniscono un flusso continuo di dati sullo stato di salute e sulle prestazioni, consentendo la manutenzione predittiva. Ciò permette di eseguire apparecchiature al massimo delle prestazioni ed estendere i cicli di vita.

2. Migliorare le operazioni

Le aziende del settore alimentare e delle bevande devono tenere traccia di milioni di data points poiché il numero di unità di stoccaggio (SKU, acronimo di Stock Keeping Unit) che gestiscono, cresce rapidamente. Molti dei dati relativi agli SKU, comprese le informazioni sulle linee di imballaggio, richiedono un’elaborazione in tempo reale, ed è per questo che le aziende hanno bisogno di tecnologie digitali per migliorare l’efficienza, la redditività e la produzione.

3. Gestire la qualità e la sicurezza

I dati raccolti dai processi della supply chain sono fondamentali per monitorare la qualità del prodotto e la conformità normativa. Le aziende devono essere trasparenti sulla provenienza di ogni singolo ingrediente e ciò richiede livelli granulari di tracciabilità lungo l’intera catena di approvvigionamento. Non è un caso, infatti che il 53% dei produttori di alimenti e bevande preveda di implementare nuove tecnologie per gestire proprio la supply chain.

Scopri come la filiera del settore Food&Beverage può trarre grandi benefici dalla digitalizzazione, a patto di utilizzare gli strumenti giusti, come EcoStruxure Traceability Advisor di Schneider Electric.

Come l’edge computing industriale abilita la trasformazione digitale

Se i vantaggi della digitalizzazione dei processi del settore food and beverage sono chiari, ci sono però alcune sfide da affrontare.

Analisi dei dati in tempo reale

La sfida più importante è come elaborare e analizzare i dati in tempo reale per garantire la qualità dei prodotti e la conformità normativa. Per affrontare questa sfida, le aziende hanno bisogno della visibilità e della tracciabilità che le soluzioni di edge computing industriale garantiscono.

Tracciabilità e visibilità di tutta la supply chain

Tracciare la catena di approvvigionamento dall’inizio alla fine, “from farm to fork”, è assolutamente fondamentale. Immaginiamo un’azienda lattiero-casearia che deve tracciare i propri prodotti dall’impianto di mungitura attraverso la pastorizzazione, l’imbottigliamento, il trasporto e la consegna.

Le tecnologie digitali come codici a barre, sensori e lettori RFID possono tracciare l’intero percorso, consentendo al produttore di latte di apportare rapidamente modifiche e di intervenire nella catena di fornitura puntualmente e con precisione, quando e se è necessario.

Se c’è un cosiddetto “collo di bottiglia” nella produzione, l’azienda è in grado di correggerlo velocemente. Ma è in grado di intervenire in maniera puntuale anche se ad esempio, il consumo e la richiesta di latte al cioccolato aumenta e bisogna aumentare la produzione.

Produttività massimizzata, minimizzando i costi

La digitalizzazione migliora anche la produttività semplificando i processi e abbassando i costi attraverso la manutenzione predittiva. Sul fronte della manutenzione, i dati raccolti dalle apparecchiature di produzione possono aiutare gli operatori ad anticipare i guasti. In questo modo, è possibile pianificare la manutenzione prima che una macchina possa causare tempi di inattività e farlo quando non si interrompe la produzione.

L’approccio preventivo elimina anche la dipendenza dalla manutenzione basati sul calendario, che può comportare l’esecuzione di attività di manutenzione non necessarie.

L’edge computing in queste situazioni fa davvero la differenza. Con così tanti dati che fluiscono dalla catena di approvvigionamento, ci vorrebbe troppo tempo per elaborarli attraverso il cloud, ad esempio, quando è necessario prendere decisioni in tempo reale.

La sfida dello spazio necessario per l’infrastruttura IT

Un’altra sfida della trasformazione digitale per le aziende del settore alimentare è legata allo spazio. Trovare spazio per le apparecchiature IT e per tutta l’infrastruttura necessaria non è sempre facile. Le soluzioni di edge computing possono risolvere questo problema. Sono intrinsecamente flessibili e facili da adattare allo spazio disponibile. Possono inoltre coesistere con macchinari in fabbrica o essere collocati in spazi separati vicino all’area di produzione.

A mano a mano che i siti di edge computing si moltiplicano, disponibilità, resilienza e ridondanza sono le stesse richieste da un data center tradizionale, perché gestiscono dati critici. Per essere efficaci, le soluzioni di edge computing devono essere standardizzate, ripetibili e facili da distribuire e configurare. Devono inoltre essere abilitate alla gestione in remoto per monitorare le prestazioni, la sicurezza e la disponibilità.

Schneider Electric, insieme ai suoi partner strategici – AVEVA, Dell/EMC, Cisco, Hewlett Packard Enterprise, Lenovo, Stratus Technologies e altri – offre soluzioni completamente compatibili che offrono alle aziende alimentari e delle bevande ampie scelte di apparecchiature IT/OT per la digitalizzazione.

Scopri di più sull’edge computing. 

Perché Micro Data Center EcoStruxure è la soluzione perfetta per settore il Food and Beverage

Le soluzioni Micro Data Center EcoStruxure affrontano i problemi di spazio offrendo flessibilità e portabilità. Sono da immaginare come sistemi rack pre-integrati e con tutti i componenti edge computing necessari, inclusi server, storage / rete, alimentazione, raffreddamento, accesso e sicurezza gestiti, infrastruttura fisica, software di monitoraggio e servizi di correzione. Disponibili in varie forme e dimensioni, questi armadi possono essere posizionate in fabbrica o nelle vicinanze, fornendo lo stesso livello di disponibilità, sicurezza e affidabilità di un data center tradizionale.

Tutte le apparecchiature e l’infrastruttura IT sono connesse, offrendo agli amministratori IT e ai responsabili degli impianti visibilità e funzionalità di gestione remota sempre e ovunque. Le soluzioni Micro Data Center EcoStruxure sono ripetibili in modo che possano essere distribuite rapidamente praticamente allo stesso modo ogni volta, in qualsiasi parte del mondo. In quanto tali, possono essere una componente essenziale della strategia digitale per le aziende alimentari e delle bevande.

Scopri come Micro Data Center EcoStruxure abilita la trasformazione digitale.

Questo post blog è stato originariamente pubblicato in inglese sul blog Schneider Electric Global.

***

L’autore del post: Paolo Colombo

Paolo Colombo è Go To Market Director per Machine Builder e System Integrator di Schneider Electric. Ha trascorso gli ultimi 13 anni concentrandosi su vari segmenti, tra cui OEM e Food and Beverage, concentrandosi sull’analisi delle tendenze del mercato e concentrandosi sempre sulle esigenze dei clienti. Gli piace lavorare con team interfunzionali per identificare e sviluppare prodotti innovativi che supportano le tecnologie in evoluzione nel mercato.


Nessuna Risposta

Rispondi

  • (will not be published)