I Quadri di Media Tensione Green & Digital migliorano la sostenibilità in E. ON

Le utility come E. ON stanno affrontando le sfide della sostenibilità adottando soluzioni green senza SF6 per limitare le emissioni di gas serra. Scopri come soluzioni Green & Digital, come i nostri quadri di media tensione aiutano le aziende a contrastare il cambiamento climatico.

Scopri come Schneider Electric aiuta le utilities a diventare più sostenibili e SF6 free

Per le utility contrastare il cambiamento climatico è una priorità

La sostenibilità è al primo posto nei pensieri delle utility. Numerosi studi hanno rilevato che sia le aziende che erogano servizi pubblici, sia altri stakeholder del settore, identificano tra le priorità questioni come la riduzione delle emissioni di CO2 e il cambiamento climatico.

Ad esempio, nello studio “A New Era of Sustainability in the Utilities industry” condotto da Accenture, il 92% degli amministratori delegati del settore utility intervistati, ha riferito che le questioni di sostenibilità saranno importanti per il futuro successo della loro attività. Il 96% ha sostenuto che la loro azienda impiegherà nuove tecnologie per affrontare le sfide della sostenibilità.

Come vincere le sfide della sostenibilità

Per raggiungere questi obiettivi, le utility devono trovare soluzioni che possano essere adattate alle esigenze di un settore in rapida evoluzione. Si tratta di riuscire a gestire l’operatività in modo efficiente dal punto di vista economico ed ecocompatibile, facendo leva anche su altre azioni che possono migliorare la sostenibilità. Ad esempio, favorire una digitalizzazione maggior e promuovere un uso più rilevante di energia prodotta localmente. Ma anche sostenere le nuove esigenze – come la diffusione di infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica.

Gli sforzi per la riduzione dell’impronta di carbonio dovranno andare oltre i metodi più tradizionali come l’aumento dell’uso delle risorse rinnovabili. Servono approcci multiformi che includano un’ampia digitalizzazione dell’operatività e scelte come l’aggiornamento, il retrofit di apparecchiature esistenti per aumentarne la sostenibilità e l’adozione di nuove tecnologie rispettose dell’ambiente.

L’esperienza di E. ON per eliminare le emissioni di gas serra

Ad esempio, E. ON, il più grande operatore della distribuzione elettrica svedese, si è impegnato ad adottare innovazioni digitali e ambientali con l’obiettivo più ampio di arrivare al 100% di energia rinnovabile e riciclata nel 2025. L’utilizzo di soluzioni come l’aria secca per l’isolamento in vuoto dei quadri di media tensione permette quindi alle aziende di avvicinarsi a grandi passi a questo obiettivo.

Gli innovativi Quadri di Media Tensione 100% in Aria di Schneider Electric possono avere un impatto ambientale decisamente ottimale, facendo la differenza quindi non solo a livello tecnologico ma anche a livello di sostenibilità.

E. ON  grazie ad un progetto pilota, sta utilizzando la tecnologia green e digitale dei Quadri di Media Tensione 100% in aria secca, all’interno delle cabine della sua rete di distribuzione dimostrando così che i quadri AirSet di Schneider Electric soddisfano i requisiti di sicurezza e sostenibilità dell’azienda, oltre ad essere economicamente vantaggiosi, durevoli e rispettosi dell’ambiente.

Questa soluzione green e innovativa garantisce una fornitura di energia pulita oltre ad essere una soluzione conveniente per i clienti.

Approfondimenti

  • Scopri di più sulle soluzioni adottate da E. ON grazie all’offerta Schneider Electric.
  • Scarica il nostro whitepaper “Come le reti di distribuzione elettrica possono contribuire ad un futuro a basse emissioni di CO2”.

Questo post blog è stato originariamente pubblicato in inglese sul blog Schneider Electric Global.

***

L’autrice del post: Tifenn Perron Perruchione

Si laurea nel 2001 all’ENSIEG, École Nationale Supérieure D’ingénieurs Électriciens de Grenobleed entra in Schneider Electric come business manager per l’Africa e il Sud America.

Entra a far parte del team di marketing e sviluppo dei prodotti nel 2008. Nel 2012 è diventata Project Manager per i nuovi prodotti di media tensione.

Nel 2015, ha iniziato a dirigere l’attività dei prodotti di media tensione dell’azienda, e oggi è VP di Medium Voltage Product Activity.


Nessuna Risposta

Rispondi

  • (will not be published)